Una vittoria debole

0
467

L’avv. Giuseppe Bernardi mi ha citato con senso di sfida dopo la votazione con la quale è riuscito a modificare l’art.15 dello Statuto. Un anno fa il presidente del Consorzio, per l’opposizione di Olgiata Nostra non riuscì a ottenere una proroga di due anni. Oggi,  dopo un intenso impegno su molti fronti, come tutti sanno, è riuscito a prendersi la rivincita.  A questa vittoria ha contribuito anche un giro di valzer sulle sue convinzioni più radicate, e cioè che il Cda del Consorzio per essere efficace ed efficiente doveva lasciare a casa i “vecchi” e restringersi a solo cinque membri. Per vincere ha dovuto rinunciare a entrambi gli obiettivi. 

Ancora, per ottenere la vittoria ha dovuto riunire la parte straordinaria e ordinaria dell’assemblea, quasi nascondendo la prima. Si è imbarcato in un’operazione che il consigliere Cristiano Barbarossa ha dichiarato essere molto rischiosa. E’ infatti molto probabile che l’opposizione ora si prepari a chiedere un amministratore giudiziario.   Il presidente del Consorzio, cui noi gli auguriamo possa realizzare tutti gli obiettivi da lui annunciati per mantenere l’Olgiata una gated community autogestita, ha molti ostacoli da superare nei prossimi mesi e aver convinto metà dei consorziati a restare a casa oltre ad aver cercato di delegittimare un’associazione che per due mandati è stata decisiva per la sua affermazione elettorale non è un buon viatico né per lui, né per la sua squadra, né per tutti noi.(e.m.)