Un libro per uscire dalla crisi economica: “Il salvadanaio”

0
160

Sono ripresi ieri a Formello gli incontri letterari promossi da Ivana Minguzzi. La serata è stata molto  interessante. Il Sindaco di Formello ha come al solito voluto intervenire all’evento. Il senatore Riccardo Pedrizzi ha presentato il suo libro “ Il Salvadanaio “ ed è stato accompagnato da un gruppo di personalità notevoli che hanno discusso il messaggio del libro. Il Cardinale Re, che automaticamente si è posto al centro dell’attenzione, l’Onorevole Umberto Ranieri, che ha svolto una sua approfondita analisi del libro con la sua conosciuta competenza di politica estera, e il banchiere Paolo Grignaschi, che ha portato l’esperienza della suo lavoro al servizio delle cooperative.

Libro insolito e quindi doppiamente interessante. Il Senatore Pedrizzi parte dal contesto economico  globale e illustra i termini della crisi finanziaria del 2007. Ricorda un dato sorprendente: il mercato dei derivati sarebbe pari tutt’oggi ad oltre dieci volte il PIL mondiale . Il che significa che gli scambi economici concreti sarebbero nel mondo una minima parte degli scambi finanziari e che insomma una bolla finanziaria grava sulle nostre teste dal 2007. L’interesse del libro del Senatore Pedrizzi sta nel fatto che egli abbia collegato al contesto globale della crisi finanziaria alcune note problematiche italiane quali l’acquisto di molte importanti imprese italiane da parte di interessi stranieri e le crisi di alcune banche italiane come il Monte dei Paschi di Siena. Il libro del Senatore Pedrizzi ci aiuta a comprendere il legame che unisce molte problematiche italiane ad una crisi globale che si conosce ma i cui effetti tendiamo a voler ignorare.

Non solo libro di economia ma anche libro di filosofia e di morale. Il Senatore Pedrizzi ha una profonda formazione cattolica.  “ Il Salvadanaio “ non si limita ad additare una problematica economica che è al tempo stessa italiana e globale ma spiega che per uscirne si debba puntare su un riscatto morale dell’individuo secondo gli insegnamenti della dottrina cattolica. L’Onorevole Ranieri, che viene da altra tradizione politica, si è tuttavia associato all’autore nel sottolineare che per uscire dalla crisi si debba puntare su una rinascita innanzitutto morale e cognitiva. Il Cardinale Re ha sviluppato le considerazioni filosofiche e morali con una attenta disamina del testo del libro e ha finito per sottolineare l’importanza della famiglia e del radicamento geografico nel mediare fra individuo e contesto globale. Il suo sorriso sereno è valso comunque ad infondere ottimismo e fiducia nel futuro. Anche di questo c’è bisogno.