email
password
Il Consorzio minaccia di rendere pubblico l'elenco dei morosi: 700 mila euro mancano all'appello

21-02-2018 - Il Consorzio minaccia di pubblicare i nomi dei consorziati che non pagano o pagano in ritardo le quote consortili e fa un appello a tutti di versare quanto dovuto per non rallentare...

Un invito di Ivana Minguzzi ai residenti dell'Olgiata

Riceviamo e volentieri pubblichiamo un invito di Ivana Minguzzi, coordinatrice dell’International Cultural Group dell’Olgiata.

Parte venerdì 26 FormelloIncontra con Marina Como e José Van Roy Dalì. Modera l'ambasciatore Prati

18-01-2018 - Venerdì 26 gennaio alle ore 18 , presso la Sala Grande di  Palazzo Chigi a Formello, iniziano gli incontri del 2018 di "FormelloIncontra ", organizzati dalla coordinatrice dell’Intenational Cultural Group dell’Olgiata, Ivana Minguzzi. Che avrà come primi ospiti Marina Como e Josè Van Roy Dalì. L’incontro sarà moderato dall’ambasciatore Vincenzo Prati. Ecco il profilo degli ospiti:

MARINA COMO, genovese, vive e lavora a Roma per il TG1, dove ha realizzato rubriche televisive quali TG L'Una, Italia Sera, TV 7 ed ora collabora con Porta a Porta di Bruno Vespa con vari servizi su personaggi illustri in vari campi: politici italiani e stranieri, Premi Nobel, rampolli di famiglie Reali, e rappresentanti della cultura, della musica e dell'arte; alcuni nomi: Grace Kelly, Ronald Reagan, il Principe Filippo di Edinburgo, Alberto Angela, John-John Kennedy, Kassius Clay e naturalmente Josè Van Roy Dalì.

JOSE' VAN ROY DALI' è nato a Perpignan il 17 febbraio 1940. Figlio di Salvador Dalì e di sua moglie Elena Diakonov (Gala ).

Vissuto solo in parte con quei genitori giramondo e a lungo con una coppia di Verona, che lo accudiva, lascia a 18 anni gli studi ( li riprenderà anni dopo ), per dedicarsi alla pittura con quel suo carattere testardo, ribelle, idealista e apolitico.

Viene in seguito distratto anche dal cinema e si cimenta nei ruoli più disparati sotto gli pseudonimi di Massimiliano Roy e Roy Milian, per evitare un dispiacere ai genitori che lo immaginano impegnato nei suoi studi di Architettura.

Dal 1969 al 1978, sempre sotto vari pseudonimi, collabora come illustratore, umorista, pubblicista, fumettista; questo suo temperamento irrequieto trova finalmente un equilibrio quando nel 1973, conosce la bella Barbara, che lo sprona a riavvicinarsi all'arte.

Nel 1984 torna in Spagna per portare dei fiori sulla tomba della madre e per visitare il padre che è gravemente ammalato.

Da allora, dipinge ed espone, talvolta in maniera bizzarra, le sue opere e si ritira in una casa-atelier-museo, nella campagna romana, dove tuttora vive con la moglie Barbara e tanti animali.

Redazione Olgiata Nostra

Il Golf Olgiata sale di 32 posizioni tra i primi 100 del mondo, ma non ospiterà la Ryder Cup

“L'Olgiata Golf Club è salita di ben 32 posizioni nella classifica di Golf Digest dei 100 migliori campi  del...

10 motivi per aderire a Olgiata Nostra

Leggi lo statuto

Diventa Socio





Ville&Casali