email
password
Le fiamme colpiscono la villa del cantante Gigi d'Alessio e le case vicine. Intervento dei VVFF

Un incendio improvviso è scoppiato all'isola 104 danneggiando la villa del cantante Gigi D'Alessio e altre case...

Continuano i dubbi sull'appalto per la sicurezza. Un scambio di lettere tra la Staer e Santiapichi

Pubblichiamo uno scambio epistolare tra l’ing. Paolo Sigismondi, partner della società Staer Sistemi, cui il Consorzio ha affidato l’esecuzione del piano sicurezza e l’avvocato Xavier Santiapichi, già consigliere del Consorzio, protagonista di un intervento alla recente assemblea di bilancio, che è stato oggetto di incomprensioni e  di un’incredibile strumentalizzazione, che Olgiata Nostra ha censurato nei giorni scorsi. Lo scambio di lettere che Olgiata Nostra è in grado di pubblicare è stato  inviato per conoscenza al Consorzio nei giorni scorsi e crediamo sia interesse dei consorziati conoscerne il contenuto.

Egregio Avvocato Santiapichi,

prendo atto di quanto Lei scrive, non senza una certa sorpresa.

Sabato 27 maggio, in Assemblea, prima della votazione riguardante il Progetto Integrato di Sicurezza, ovvero mentre alcuni dei presenti stavano ancora formandosi un’opinione in merito, L’ho ascoltata con le mie orecchie affermare che l’azienda di cui sono fondatore e socio avrebbe iniziato la propria attività nel 2015 e che nella banca dati CERVED non sarebbero disponibili nostri bilanci.

Non sono il solo ad aver sentito tutto questo: i Consorziati seduti vicino a me hanno udito le medesime parole e me ne hanno prontamente chiesto ragione.

E, a quanto pare, anche il Notaio presente in Assemblea le ha fedelmente riportate a verbale.

Comunque, bando alle polemiche, comprendo dalla Sua comunicazione che Lei adesso ha preso visione correttamente dei dati contenuti nel Registro delle Imprese.

A questo punto, per sgombrare il campo da qualsiasi malevola interpretazione dei fatti ed evitare una inutile escalation di accuse e comunicati, La invito a diffondere, presso tutti i siti che trattano di Olgiata, una nota a Suo nome che riporti i dati veritieri di Staer Sistemi, così come indicati in visura e da Lei stesso verificati, ovvero data di inizio attività (04/08/2008) e disponibilità a sistema di tutti i bilanci.

Se, come sono certo, Lei ha agito in perfetta buona fede, non avrà difficoltà a confermare pubblicamente la veridicità di queste informazioni.

Quanto alle Sue considerazioni in merito alle ridotte dimensioni dell’azienda, mi permetto di farLe notare come esse non abbiano dissuaso Clienti del calibro di Terna, Rai Way, Snam Rete Gas, Rete Ferroviaria Italiana, British Telecom e tante altre, dall'affidarle nel tempo svariati rilevanti progetti riguardanti la sicurezza e l’esercizio delle loro infrastrutture.

Se in futuro vorrà approfondire la conoscenza di Staer Sistemi, sono sicuro che avrà modo di apprezzarne l’organizzazione, l’affidabilità e le competenze disponibili.

Tanto Le dovevo,

Ing. Paolo Sigismondi

Partner Staer Sistemi

 

Gent.mo Sig. Sigismondi,

grazie della Sua cortese risposta.

Sono contento che ci siamo chiariti e mi dispiace se – preso probabilmente dalla tensione del momento e dalle strumentalizzazioni successive  – ha ascoltato parole che non ho detto, essendomi limitato a riferire i dati della visura REC.

Quegli stessi dati – e leggo le Sue parole come una conferma – che lasciano ancora delle perplessità non sul Vostro operato, ma su quello del Consorzio.

Se non capisco male (ma sui numeri devo ammettere la mia debolezza) la Vs. Società fattura meno del (nostro piccolo) Consorzio e la Commessa vale circa il 50% del Vs. fatturato complessivo (ma la prego di smentirmi, se ho letto male).

Ora mi domando come sia possibile che, mentre gestirete questa Commessa, che presumibilmente occuperà la metà dei Vostri dipendenti, dovreTe anche proseguire i contratti che avete (testualmente dalla Sua risposta: Terna, Rai Way, Snam Rete Gas, Rete Ferroviaria Italiana, British Telecom e tante altre).

La preoccupazione maggiore che alcuni di noi hanno espresso in Assemblea è proprio questa ed è legata alla piccole dimensioni (non credo che “piccola” sia un’offesa, ma ove così fosse, evitando l’ennesima minaccia di una querela, me ne scuso…) della Vs. Azienda.

In realtà un processo partecipato ed una più ampia condivisione della gestione della cosa pubblica avrebbero certamente consentito di superare le criticità di molti di noi (se non ricordo male contro il Piano si sono espressi circa un terzo dei presenti, non ero solo); la domanda (non rivolta a Lei) ma che resta senza risposta è questa: siamo davvero sicuri che la pubblicazione di un Avviso di gara non avrebbe permesso un confronto idoneo a massimizzare l’utilità per noi consorziati?

 

Ricordo che il primo Avviso che pubblicò il Consorzio fu quello relativo ad un Albo Avvocati, che curai personalmente (da Consigliere di Amministrazione), altri ce ne furono (ne ricordo uno sulla disinfestazione dell’amica dr.ssa Poletto) ma sempre nel Consiglio precedente. Questo Consiglio – se non ricordo male – non ne ha fatti altri; non ritiene, evidentemente, che l’apertura alla concorrenza possa dare buoni frutti. Ma abbiamo idee diverse.

Il Piano ha un impatto importante su ognuno di noi; pesa 1.5 euro per carato. Significa che chi – come me – ha circa 1000 carati, dovrà pagare 1500 euro in più rispetto all’attuale. Ma penso anche al mio Circolo (il Golf); si troverà a pagare circa 10.000 euro in più rispetto all’attuale.

E veniamo al Verbale di Assemblea, che:

- ha letto il Consorzio - avendo fatto un comunicato contro di me;

- ha letto Lei - che ha avuto conferma di mie dichiarazioni inesistenti, smentite perfino dai media;

- ma che ancora non ho letto io….

ed anzi lo Studio del Notaio Pinchi (al quale mi sono rivolto con una prima PEC di richiesta del Verbale, con una seconda PEC di sollecito, con due telefonate l’ultima delle quali stamattina), mi dice che il Verbale non è pronto (!).

Credo ci sia qualcosa che non va, ma non sarebbe la prima volta. Qualche tempo fa, da consigliere di amministrazione, e sempre in una nostra Assemblea, ho fatto un intervento assai critico sul riconoscimento della personalità giuridica del Consorzio, ben prima che si pronunciasse la Regione dandomi totalmente ragione. Ebbene in quella occasione la scarsa democrazia del Consorzio fece in modo che nulla risultasse a Verbale, anche se l’intervento proveniva da un Amministratore. Anche per questo mi sono dimesso.

Oggi invece viene verbalizzato il mio intervento, peraltro sbagliando la verbalizzazione, anche se sono solo un consorziato. Mah.

E’ chiaro che Lei in queste beghe condominiali c’entra poco, è stato tirato dentro, e non da me. Magari avresTe ottenuto la Commessa lo stesso, anche se davvero si fosse seguita la procedura dell’appalto-concorso (che non esiste più da anni ma che PRESUPPONE(VA) LA PUBBLICAZIONE DI UN BANDO), ma rimarremo sempre con questo dubbio.

Molti saluti,

Xavier Santiapichi

Nella foto: il prof. Fernando Aiuti, che ha presieduto la Commissione per la scelta della società che ha vinto l'appalto.

Redazione Olgiata Nostra

Come saranno divise le nuove spese per la sicurezza e il terzo varco?

Nei prossimi giorni gli uffici del Consorzio metteranno a punto le nuove quote consortili, in base al bilancio preventivo per il 2017...

Bernardi e il Cda mettono alla gogna Santiapichi con un comunicato pieno di calunnie

31-05-2017 - Che il Consorzio non sappia fare informazione è ormai cosa risaputa, ma che si avventuri nella disinformazione e nel dileggio rappresenta un’involuzione inquietante....

10 motivi per aderire a Olgiata Nostra

Leggi lo statuto

Diventa Socio





Ville&Casali