Dove è possibile parcheggiare vicino al terzo varco

0
158

E’ possibile parcheggiare con la propria auto e usufruire del terzo varco per raggiungere la stazione metro dell’Olgiata? Molti pensano che non sia possibile perché il Consorzio ha deciso di creare un accesso del tipo kiss & go. E’ stato questo il compito affidato a Simone Patriarca malgrado il noto architetto avesse progettato un’opera completa, corredata di un parcheggio, ancorché limitato a una cinquantina di posti. La limitazione imposta all’architetto Patriarca può essere stata motivata dal tentativo di contenere le preoccupazioni sul traffico che erano state sollevate da alcuni residenti abitanti nei pressi del varco, oltre che dal vantaggio di contenere la spesa, ma non è stata mai discussa dai consorziati. 

Per capire le vere intenzioni di chi oggi governa il Consorzio l’accesso al terzo varco è stato preceduto da un ventaglio di divieti di sosta. Ciò ha spinto coloro che raggiungono il varco in auto a posteggiare il proprio autoveicolo anche a centinaia di metri dai tornelli oppure a non utilizzare l’uscita, con la delusione di avere speso dei soldi inutilmente. 

Pochi sanno, però, che l’area boschiva attigua al terzo varco è  di proprietà del Comune di Roma e questo spazio consente un parcheggio, anche se su terra battuta. La sistemazione del terreno è stata realizzata dallo stesso Consorzio, ma nessuno ha mai detto che poteva essere utilizzata!

 Nè il presidente del Consorzio, che dice di avere continui contatti con il Comune di Roma, si è mai preoccupato di chiedere l’utilizzo dell’area comunale e tanto meno l’autorizzazione a progettare un parcheggio vero e proprio. 

Ai numerosi lettori che hanno comunicato ad Olgiata Nostra di essere favorevoli alla realizzazione di un parcheggio consigliamo quindi non solo di farlo sapere al Consorzio ma di  cominciare a utilizzare l’area attigua ai tornelli che, essendo di proprietà del Comune, il Consorzio non può vietarne l’uso. Al Consorzio chiediamo, poi,  di eliminare i divieti di sosta e utilizzare l’ampio spazio che costeggia l’ingresso al varco per installare delle rastrelliere, in modo da consentire a chi dispone di una bici o di una moto di poter parcheggiare. Solo così si può evitare  il parcheggio selvaggio intorno  all’area vicina al terzo varco e soprattutto assicurare l’uso migliore di un servizio che la maggioranza dei consorziati ritiene di grande utilità.