Diventa socio per diventare protagonista del Consorzio

0
133

Poche settimane fa questo sito ha avviato un’inchiesta sui rapporti tra il Consorzio e il Comune di Roma e ha rivelato la corrispondenza che il Consiglio di amministrazione del nostro Consorzio ha tenuto gelosamente segreta. Pochi giorni fa il presidente Bernardi, scaduto ma con tanta voglia di chiedere un terzo mandato,  ha chiesto di nuovo di essere ricevuto dal Comune di Roma, probabilmente grazie alla preoccupazioni per le sorti del comprensorio che abbiamo risvegliato. Con l’ottava puntata dell’inchiesta che pubblichiamo oggi spieghiamo il perché. 

Olgiata Nostra da otto anni informa tutti i residenti sulle vicende del comprensorio in maniera professionale e indipendente. Non siamo la voce del padrone. Anzi siamo il cane da guardia contro chi comanda, come è giusto che sia in un paese libero e democratico. 

Molti lettori avranno notato che da una settimana questo sito è stato rinnovato e arricchito. Oggi utilizza le ultime tecnologie: per esempio le notizie si possono leggere facilmente attraverso il telefonino. Presto ritorneranno i sondaggi e avremo  a disposizione altre funzioni che accresceranno l’utilità del sito. Questa attività non solo richiede tempo e dedizione, ma ha un costo economico che vorremmo condividere. Il consiglio direttivo dell’Associazione Olgiata Nostra ha fissato per il 2019 la quota associativa a 20 euro e per se stesso l’ha moltiplicata per quattro. 

Molti  residenti si stanno associando ad Olgiata Nostra spontaneamente, perché evidentemente ritengono che una Voce dell’Olgiata sia utile. Come tutti sanno non è prudente ascoltare una sola campana. Quindi chiediamo ai nostri lettori di iscriversi con un click sull’apposito “button” che trovate nella pagina. I soci saranno invitati a partecipare alle riunioni aperte che il Consiglio Direttivo organizza da diverse settimane a casa degli stessi soci per  discutere il futuro dell’Olgiata, ora che la Convenzione con Roma Capitae è scaduta e appare certo che chiunque potrà entrare liberamente nel comprensorio fra meno di due anni.